Il timo contro le infezioni respiratorie, distrugge lo streptococco e il virus dell’influenza

Il timo contro le infezioni respiratorie, distrugge lo streptococco e il virus dell'influenza

Il timo contro le infezioni respiratorie, distrugge lo streptococco e il virus dell’influenza. Essendo un disinfettante polmonare straordinario, il timo combatte raffreddori, influenza, mal di gola, catarro, asma, tosse, laringiti e bronchiti.

Per le infezioni alla gola, al naso e al petto basta inalarlo, per infezioni gengivali e bocca basta usarlo in gargarismi o su dentifricio. Oggi ti scrivo come usare il timo contro le infezioni respiratorie, distrugge lo streptococco e il virus dell’influenza.

Il timo appartiene alla famiglia delle Lamiaceae ed è un piccolo arbusto che raggiunge i 40 cm di altezza, con foglie minute e lanceolate dai fiorellini di tonalità tra il rosa e il lilla. È diffuso nell’area mediterranea, balcanica e caucasica.

Non è difficile perciò trovare cuscini profumati di timo in angoli esposti al sole, su terreni ghiaiosi e vicini al mare ma può crescere bene anche in vaso, gradito ospite di terrazze e balconi.

Curiosità sul timo

Il suo nome deriva dal greco e significa coraggio, temperanza, le proprietà che è capace di infondere in chi lo annusa. Ben conosciuto nell’antica Grecia per i suoi molteplici benefici, è associato a Zeus, padre degli dei.

Il mito racconta che questa pianta sia nata dalle lacrime di Arianna abbandonata da Teseo. Tradizionalmente è invece associato alla Madonna che ne avrebbe indossato una coroncina il giorno delle nozze conferendo rendendola curativa contro tutti i mali.

Il timo era molto apprezzato nell’Impero Romano dove i soldati si cospargevano di acqua e timo convinti  che questa pianta infondesse coraggio e vigore.

Nel Medioevo si poneva sotto il cuscino un rametto di timo per tenere lontani gli incubi e le dame erano solite ricamare sulle insegne dei cavalieri delle piante di timo come segno di buon auspicio.

Valori nutrizionali del timo

100 g di timo essiccato contengono 276 kcal, e:

  • Proteine 9,11 g
  • Carboidrati 63,94 g
  • Zuccheri 1,71 g
  • Grassi 7,43 g
  • Fibra alimentare 37 g
  • Sodio 55 mg

Proprietà del timo

Il timo può vantare un inaspettato contenuto vitaminico, sia in riferimento alla vitamina C che alle vitamine del gruppo B. Contiene inoltre timolo, linaiolo e sali minerali.

Si tratta di una pianta officinale ed aromatica, che presenta al proprio interno un olio essenziale e sostanze benefiche grazie alle quali al timo vengono attribuite proprietà balsamiche, anticatarrali ed antisettiche.

Tra i sali minerali contenuti nel timo troviamo manganese, ferro, potassio, calcio e magnesio.

Il timo è inoltre considerato un tonico ed uno stimolante dell’apparato digerente. È inoltre ritenuto da parte della medicina alternativa come un vero e proprio antibiotico naturale e un diuretico.

Al timo vengono infine attribuite significative proprietà antiossidanti nella protezione delle membrane cellulari.

Ricapitolando il timo è:

  • ricco in vitamine (soprattutto vitamina C e vitamine del gruppo B)
  • balsamico
  • anticatarrale
  • antisettico
  • antibiotico naturale
  • diuretico
  • stimola l’apparato gastrico
  • antiossidante

Formulazioni e uso

A scopo curativo, il timo si può utilizzare in infuso, decotto, tintura madre (che puoi acquistare cliccando QUI) e olio essenziale (che puoi acquistare cliccando QUI).

Vediamo come assumerlo:

Bronchite, tosse grassa

È utile il decotto di timo che si ottiene lasciando bollire per 15 minuti 2 cucchiai di spezia essiccata in mezzo litro di acqua.

E per potenziare l’effetto disinfettane ed espettorante, aggiungi due o tre volte al dì dei fumenti lasciando in infusione 2 o 3 cucchiai di erbe in una bacinella di acqua bollente, aspirandone il vapore, sempre facendo attenzione che non sia troppo caldo.

Leggi anche: Tosse secca o grassa: 6 rimedi naturali per calmarla immediatamente

Faringite e mal di gola

Ottima la tintura madre di timo, di cui assumere 40 gocce per tre volte al dì salvo diversa indicazione medica.

Inoltre, per alleviare il dolore e stimolare la guarigione si possono fare gargarismi con il decotto, la sera prima di coricarsi.

Leggi anche: Placche in gola: Il rimedio naturale che aiuta a sbarazzarsene in poche ore

Crampi addominali e dolori allo stomaco

Spesso la tosse porta con sé crampi e dolori per lo sforzo. In questi casi, si può preparare l’infuso di timo, adatto anche come digestivo, diuretico e per favorire le mestruazioni.

Basta aggiungere un cucchiaio di foglie e fiori di timo essiccati in una tazza di acqua bollente, lasciando in infusione per 10 minuti.

Filtra e bevi anche più volte al giorno, addolcendo a discrezione con miele.

Leggi anche: Dolori mestruali o dismenorrea: 4 tisane per alleviare il dolore immediatamente

Disinfettante

Per beneficiare delle proprietà antisettiche, antibiotiche e calmanti che il timo può svolgere nell’ambiente, si può usare l’olio essenziale in questo modo:

  • 3 gocce in mezzo litro d’olio d’oliva per dare un tocco invitante alle pietanze
  • 5 gocce in un bicchiere di olio di mandorle dolci per un massaggio antistress
  • 4 gocce in un secchio di acqua abbinato a 5-6 gocce di tea-tree oil come disinfettante per le superfici
  • 2 gocce per eliminare il cattivo odore dalle calzature

Il consumo regolare di questa pianta terapeutica può migliorare la salute generale, e i risultati si vedono dopo pochi giorni.

Controindicazioni

Il timo può provocare effetti collaterali se assunto in quantità eccessiva o in soggetti ipersensibili perché i fenoli presenti nella pianta in alta concentrazione sono tossici e corrosivi.

I sintomi indesiderati sono:

  • vomito,
  • astenia,
  • nausea,
  • difficoltà respiratorie,
  • bradicardia e
  • diminuzione della temperatura corporea,
  • reazioni allergiche cutanee

È consigliato perciò assumere l’olio essenziale di timo diluendolo in acqua.

Da evitare durante la gravidanza e l’allattamento, in caso ipotiroidismo.

Leggi anche: 14 alimenti che rinforzano i polmoni e riducono il rischio di infezioni batteriche e virali

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE