Burro di mandorle: in pochi lo conoscono ma è una ricca fonte di benefici. Ecco come prepararlo

189
Burro di mandorle: in pochi lo conoscono ma è una ricca fonte di benefici. Ecco come prepararlo

Burro di mandorle: in pochi lo conoscono ma è una ricca fonte di benefici. Il burro di mandorle è un prodotto poco conosciuto ma che sta entrando a far parte della nostra quotidianità.

È la nuova ossessione healty di chi cerca alternative sempre più salutari senza rinunciare al sapore. Oggi parliamo del burro di mandorle: in pochi lo conoscono ma è una ricca fonte di benefici.

Il burro di mandorle è un prodotto alimentare ottenuto dalla macinatura delle mandorle essiccate ed eventualmente tostate.

Si presenta come una pasta molto densa, di colore marroncino, molto simile al più conosciuto burro di arachidi.

Il burro di mandorle ha meno grassi saturi, più fibre e grassi insaturi, contiene meno zucchero e maggiori quantità di calcio, potassio, magnesio e altri minerali essenziali, è un alimento naturalmente privo di glutine e colesterolo.

Valori nutrizionali del burro di mandorle

Secondo i dati del dipartimento dell’agricoltura statunitense (USDA), le calorie del burro di mandorle vellutato sono pari a 614kcal per 100 grammi di parte edibile.

Valori nutrizionali per 100 grammi di burro

  • Energia (Calorie) 2.568 kJ (614 kcal)
  • Carboidrati 18,82 g
  • Amido 0,08 g
  • Zuccheri 4,43 g
  • Fibra alimentare 10,3 g
  • Lipidi 55,50 g
  • Proteine 20,96 g
  • Tiamina (B1) 0,041 mg
  • Riboflavina (B2) 0,939 mg
  • Niacina (B3) 3,155 mg
  • Acido pantotenico (B5) 0,318 mg
  • Vitamina B6 0,103 mg
  • Folati (B9) 53 mg
  • Vitamina E 24,21 mg
  • Calcio 347 mg
  • Ferro 3,49 mg
  • Magnesio 279 mg
  • Manganese 2,13 mg
  • Fosforo 508 mg
  • Potassio 748 mg
  • Sodio 7 mg
  • Zinco 3,29 mg
  • Selenio 2,4 μg
  • Acqua 1,64

Un cucchiaio di burro di mandorle fatto in casa ci assicura i seguenti nutrienti:

  • 98 calorie
  • 3.3 grammi di proteine
  • 3.01 grammi di carboidrati
  • 1.6 grammi di fibra
  • 8.8 grammi di grasso

A cui dobbiamo aggiungere un pieno di calcio, fosforo, magnesio, magnesio, niacina, riboflavina, folati, vitamina E e grassi omega-3.

I benefici del burro di mandorle

La ricerca scientifica ha dimostrato più volte che le persone che includono regolarmente nella loro dieta mandorle a guscio o il burro da esse ottenuto, hanno meno probabilità di soffrire di malattie cardiache o diabete di tipo 2.

Leggi anche: Burro fatto in casa: semplicissimo, economico e più salutare

Continua su: Burro di mandorle: in pochi lo conoscono ma è una ricca fonte di benefici. Ecco come prepararlo

Vediamo di seguito i principali benefici del burro di mandorle:

Abbassa il colesterolo

Questo studio ha testato gli effetti del consumo di 100 grammi al giorno di mandorle crude, mandorle tostate salate e burro di mandorle tostate, sui livelli di colesterolo di 38 uomini ipercolesterolemici.

Dopo 4 settimane di consumo:

  1. tutte e tre le forme di mandorle hanno singolarmente ridotto i livelli di colesterolo LDL (cattivo);
  2. sia le mandorle crude che quelle tostate hanno ridotto significativamente i livelli di trigliceridi, che sono scesi anche nel gruppo che aveva consumato burro di mandorle;
  3. solo nel gruppo che aveva consumato burro di mandorle si è notato un aumento del colesterolo HDL (“buono”).
Riduce il rischio di diabete

Oltre all’impatto positivo sui livelli di colesterolo e trigliceridi, il burro di mandorle, sembra espletare un’azione preventiva anche nei confronti del diabete, aiutando a stabilizzare la glicemia.

Il consumo di mandorle come spuntino ha ridotto la glicemia postprandiale e aumentato la sazietà nei soggetti a rischio di diabete di tipo 2. 

Questa conclusione è stata ottenuta valutando il consumo di 43 grammi al giorno di mandorle per un periodo di quattro settimane in diversi momenti della giornata, a seguito di pasti come colazione e pranzo o da sole come spuntino mattutino o pomeridiano. 

I gruppi che consumavano mandorle a merenda mostravano una maggiore riduzione della sensazione di fame e delle concentrazioni di glucosio nel sangue.

Aiuta a perdere peso

Nonostante le sue calorie, il burro di mandorle può comunque aiutarci a perdere peso e a conservare i risultati ottenuti.

Uno studio clinico del 2015 pubblicato sul Journal of the American Heart Association conferma che sostituire gli spuntini ricchi di carboidrati con delle mandorle aiuta a ridurre i livelli di colesterolo e grasso addominale.

I soggetti studiati che hanno messo alla prova questo cambiamento dietetico hanno perso parecchio peso, eliminando l’adipe soprattutto nella zona addominale, in 6 settimane.

Grazie all’alto contenuto proteico, di grassi polinsaturi e di fibre, infatti, il burro di mandorle soddisfa la fame e riduce il senso di appetito, aiutandoci a preservare la massa magra mentre siamo a dieta.

Una proprietà che funziona soprattutto se lo mangiamo a colazione: secondo diverse ricerche, più proteine assumiamo a colazione, maggiore sarà il senso di sazietà durante il giorno e cambiamenti positivi negli ormoni dell’appetito, rendendo più facile il dimagrimento.

Leggi anche: Il metodo per ridurre il senso di fame e perdere peso senza dieta

Altri benefici del burro di mandorle

La ricchezza di antiossidanti polifenolici e di vitamina E delle mandorle può contribuire a:

  • prevenire l’ossidazione del colesterolo LDL;
  • ridurre l’infiammazione sistemica;
  • migliorare la funzionalità dei vasi sanguigni e ridurre il rischio di formazione delle placche aterosclerotiche;
  • abbassare la pressione arteriosa, sia in persone sane che in pazienti ipertesi;
  • nutrono le cellule intestinali migliorandone la salute;
  • hanno un’azione antinfiammatoria e potenzialmente antitumorale;
  • hanno un’azione saziante a lungo termine;
  • possono contribuire a migliorare i sintomi del colon irritabile e di condizioni infiammatorie dell’intestino, come morbo di Crohn e colite ulcerosa, con possibilità anche di ridurre il rischio di cancro al colon.

Come preparare in casa il burro di mandorle

Per preparare questo burro vegetale e ottenere il massimo dei benefici appena citati è veramente semplice e alla portata di tutti:

Ingredienti
  • 250 gr di mandorle sgusciate
  • 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva
  • 1 pizzico di sale (facoltativo)
  • 1 cucchiaino d’acqua (se serve)
Preparazione
  1. Tosta le mandorle per 5 minuti in una padella ben calda o in forno preriscaldato a 180°C.
  2. Versa le mandorle nel frullatore o nel robot da cucina. Inizia a frullare le mandorle fino ad ottenere una farina.
  3. Continua a frullare per amalgamare il composto. Durante il processo, le mandorle inizieranno a rilasciare i loro oli naturali.
  4. Se il composto tende ad attaccarsi alle pareti del frullatore, spingilo verso il centro con un cucchiaino e riprendi a frullare.
  5. Per facilitare il tutto, aggiungi 1 cucchiaino d’acqua e 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva alla preparazione.
  6. Se però utilizzi un robot da cucina potente, non ti servirà aggiungere né acqua né olio e il burro di mandorle perfettamente omogeneo sarà pronto in pochi minuti.
  7. Puoi aggiungere un pizzico di sale ma si tratta di un’aggiunta facoltativa, a seconda che lo utilizzi per la preparazione di piatti dolci o salati.

Il burro di mandorle fatto in casa si conserva in un barattolo di vetro ben pulito o in un contenitore per alimenti con coperchio da riporre in frigorifero per circa 2 settimane.

Dose giornaliera

Non esiste una dose giornaliera raccomandata, ma essendo un prodotto calorico, per godere dei suoi benefici è bene non superare la dose di 30-40 gr al giorno (2 cucchiai circa).

Come utilizzare il burro di mandorle

Il burro di mandorle può sostituire il classico burro di latte di mucca e per questo a livello di salute gioviamo maggiormente perché il contenuto di grassi è tutto buono e vegetale e non contiene colesterolo.

Il gusto ricco e avvolgente del burro di mandorle si sposa bene con altri sapori, come la farina d’avena, i formaggi, i salumi, le salse saporite e vari tipi di pane e cracker.

Il burro di mandorle può essere utilizzato in ricette dolci o per pietanze salate.

L’uso più semplice è spalmato sul pane o su fette biscottate ma anche aggiunto in qualsiasi ricetta pasticcera come muffin, torte, croissant e creme varie. È lo snack perfetto anche per i diabetici.

Per i biscotti il burro di mandorle è molto indicato e dona un tocco di ricercatezza veramente unico.

Può persino essere utilizzato come ingrediente di centrifugati e frullati di frutta o verdura. 

Controindicazioni

L’uso di questo burro non ha controindicazioni, va comunque moderato, tenendo conto del suo notevole apporto calorico.

Leggi anche: Ghee o burro chiarificato: 10 motivi per utilizzarlo tutti i giorni. Ecco come si prepara

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE

Shares
facebook sharing button Share
messenger sharing button Share
whatsapp sharing button Share
pinterest sharing button Pin