Il finocchio: l’ortaggio che cura acidità, gonfiore addominale, calcoli renali e fegato grasso

1962
Il finocchio: l’ortaggio che cura acidità, gonfiore addominale, calcoli renali e fegato grasso

Il finocchio: l’ortaggio che cura acidità, gonfiore addominale, asma, bronchite, calcoli renali e fegato grasso. Usatissimo in cucina, il finocchio ha anche moltissimi benefici per la nostra salute.

Questa pianta aromatica, è ormai parte della nostra cucina tradizionale. In pochi sanno, però, che sia il seme che la pianta possono essere usati per trattare condizioni di salute. In questo articolo parlerò del finocchio: l’ortaggio che cura acidità, gonfiore addominale, asma, ecc ecc.

Il finocchio (Foeniculum vulgare) è un ortaggio della famiglia delle Ombrellifere, (come i sedani, le carote e il prezzemolo), tipico di tutto il bacino del Mediterraneo.

La parte commestibile è costituita dalle larghe e carnose guaine basali della foglie che, sovrapponendosi, formano un ingrossamento rotondeggiante (grumolo) compatto e grosso di colore bianco-verdino.

Ha consistenza croccante e sapore dolce. Apprezzato per il basso potere calorico, questo ortaggio è fonte di vitamina A, B, e C, ed è un’eccellente fonte di potassio se consumato crudo.

Del finocchio di conservano  solo i semi facendo seccare le ombrelle, raccolte in mazzetti in un posto all’ombra, quindi si battono per far uscire dai frutti i semi. Una volta ripuliti dai gusci e dalle impurità, questi si conservano in sacchetti di tela o barattoli di vetro.

Crudo intero o affettato, in pinzimonio o nelle insalate, lessato o gratinato, il finocchi incontra il gusto di tutti; ha poche calorie e un sapore fresco che ricorda l’anice.

Leggi anche

Dieta del finocchio: dimagrante e depurativa, brucia il grasso addominale in pochi giorni

A seguire i benefici del finocchio: l’ortaggio che cura acidità, gonfiore addominale, asma, bronchite, calcoli renali e fegato grasso

Le proprietà benefiche del finocchio sono numerose:

  1. Digestive, stimolanti e diuretiche
  2. Stimola l’appetito e migliora la digestione.
  3. Aiuta a liberarsi dal meteorismo e dall’aerofagia.
  4. Combatte la diarrea e le coliche intestinali.
  5. È un antispasmodico intestinale, che dà sollievo agli spasmi e ai crampi intestinali.
  6. E’ uno stomachico, che tonifica e rinforza lo stomaco.
  7. E’ anodino, che guarisce o allevia il dolore.
  8. Inoltre il finocchio contiene sostanze dette” fitoestrogeni” che lo rendono utile nelle terapia di molti disturbi femminili, in particolare in menopausa.
  9. Per uso esterno, invece, il finocchio può essere utilizzato contro il rossore degli occhi dovuto a congiuntivite e blefarite.
  10. I semi di finocchio sono ricchi di anetolo, essenza ad azione antibatterica dall’aroma simile all’anice.

Consigli:

  • Chi soffre di gonfiori all’intestino dovuti a scorrette fermentazioni, che formano eccessivi gas intestinali provocando dolori e spasmi, proverà giovamento bevendo mezza tazza di decotto di semi di finocchio mezz’ora prima dei pasti e l’altra mezza tazza mezz’ora dopo; in questo modo si facilita la digestione e si eliminano l’aria intestinale e i dolori alla milza.

Il finocchio viene usato con frequenza per risolvere alcuni problemi digestivi, come acidità di stomaco, eccesso di gas, distensione addominale, indigestione e inappetenza. Può essere efficace anche per alleviare le coliche, sopratutto se si abbina alla camomilla in un infuso.

Questa pianta può alleviare anche i problemi respiratori come tosse, asma e bronchite, grazie alle sue proprietà antispasmodiche che rilassano i bronchi. In antichità veniva usata per trattare anche l’incontinenza urinaria, il mal di schiena e i problemi alla vista.

Alcuni studi associano al finocchio proprietà utili ad espellere i calcoli renali, alleviando le coliche che essi provocano. Può essere utile anche contro l’ostruzione di fegato e cistifellea.

Se mangiato in dosi normali, il finocchio non ha alcun effetto secondario. Tuttavia, le donne in gravidanza dovrebbero astenersi dal mangiare questo ortaggio. Se ne sconsiglia il consumo anche a chi è allergico a sedano e carota, e a chi sta effettuando trattamenti antibiotici o di estrogeno.

E’ possibile consumare il finocchio sotto forma di infuso, oppure aggiungerlo alle insalate e quindi mangiarlo crudo.

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE

Shares
facebook sharing button Share
messenger sharing button Share
whatsapp sharing button Share
pinterest sharing button Pin