Tutti gli usi della candeggina che sicuramente non conosci. La candeggina è un vero e proprio alleato per gli amanti dell’igiene e della pulizia.

È un ottimo sbiancante, disinfettante, ma è anche un efficace sgrassante per rimuovere le macchie difficili. Eppure questo prodotto ha anche altri usi a cui certamente non avevi ancora pensato. Oggi ti scrivo tutti gli usi della candeggina che sicuramente non conosci.

In poche sanno che questo prodotto contiene al suo interno una serie di proprietà davvero straordinarie, grazie alle quali può essere adoperato nei modi più disparati.

È importante maneggiare con attenzione la candeggina ed evitare di lasciarla alla portata dei bambini.

Prima dell’utilizzo, ti suggerisco di indossare dei guanti protettivi, inoltre, una volta concluse le pulizie, è consigliabile sciacquare tutte le parti del corpo entrate in contatto con il prodotto.

Scopriamo insieme tutti i sorprendenti usi della candeggina che ti semplificheranno la vita e ti faranno risparmiare tantissimo tempo per pulire casa e non solo.

Leggi anche: 24 usi dell’alcol etilico che sicuramente non conosci

Di seguito tutti gli usi della candeggina che sicuramente non conosci

1. Sbiancare le mattonelle

Le mattonelle, siano esse sul pavimento che a muro, sono un rivestimento della casa sicuro e particolarmente igienico: sono generalmente facili da pulire e la scelta di preferenza per chi vuole tenere alla larga acari e batteri.

La candeggina, così come il bicarbonato, è anche un ottimo sbiancante: è perfetta per rendere bianche le mattonelle ingiallite, senza aver bisogno di risciacquare.

Ovviamente, la candeggina ha un odore forte e persistente quindi ti consiglio, se non lo sopporti tanto, di diluirla con dell’acqua.

2. Igienizzare il WC

Un wc pulito è segno di attenzione all’igiene. La candeggina ti darà un aiuto importante per renderlo brillante e splendente: oltre ad esercitare un’azione sbiancante, infatti, questo prodotto è anche un perfetto disinfettante. 

Basterà versarla in abbondanza sulle pareti della tazza e strofinare con energia, aiutandosi con lo spazzolone o con una spugnetta abrasiva.

I risultati saranno immediati e sorprendenti.

3. Pulire spazzole e pettini

Entrambi accessori utilizzati per la cura dei capelli, mettendoli a bagno con un po’ di candeggina e acqua tiepida torneranno nuovamente puliti.

Il discorso è molto simile per i bigodini, anche se stavolta la candeggina deve essere mescolata con un po’ di acqua fredda.

4. Pulire le lame dei coltelli

Le lame di coltelli e gli attrezzi da cucina in generale andrebbero puliti e igienizzati periodicamente, soprattutto se vengono usati sulla carne cruda o alimenti contenenti una importante carica batterica.

Versa qualche goccia di candeggina su una spugna per i piatti e strofina le lame dei coltelli e le parti metalliche o in plastica degli attrezzi da cucina.

Infine, risciacquali sotto l’acqua corrente.

5. Rimuovere residui di stucco

In questo caso bisogna pulire la superficie interessata con un po’ di candeggina diluita in un piccolo recipiente d’acqua: una soluzione rapida e molto efficace in grado di eliminare completamente i residui in corrispondenza del gabinetto, del lavandino, del bidet o della vasca.

6. Antimuffa

Si sa, la muffa è uno degli sconvenienti più spiacevoli che possano capitare all’interno delle nostre case.

Uno dei metodi più veloci e semplici per far sparire le macchie di muffa causate dall’eccessiva umidità dell’ambiente, è sicuramente l’uso della candeggina, che deve essere applicata direttamente sulla zona interessata.

Dopo il trattamento, è opportuno arieggiare gli ambienti.

7. Pulire il frigorifero

Insomma, la candeggina è utile non solo in bagno, ma anche nel resto della casa.

In cucina, ad esempio, può essere utilizzata per ottenere una pulizia ottimale del frigorifero, perché in grado di igienizzare, rimuovere le macchie ed eliminare i cattivi odori.

Poiché le superfici dovranno stare a contatto con gli alimenti, è indispensabile diluire la candeggina.

8. Pulire la lavatrice

In casa, con la candeggina si può pulire anche la lavatrice: basta riempire la vaschetta per l’ammorbidente di candeggina e metterne un misurino anche in quella per il detersivo.

Avviando poi un lavaggio a 40 gradi senza centrifuga, la lavatrice sarà completamente igienizzata e tornerà come nuova.

Leggi anche: La lavatrice puzza? Ecco 7 rimedi efficaci per eliminare immediatamente i cattivi odori

Continua su tutti gli usi della candeggina che sicuramente non conosci

9. Pulire la lavastoviglie

Nella lavastoviglie batteri, muffa e residui di cibo si accumulano lavaggio dopo lavaggio. Se la usi tutti giorni ti consiglio una pulizia accurata ed approfondita di questo elettrodomestico almeno una volta al mese.

Non ti preoccupare però, perché questa operazione è più facile ed immediata di quanto si possa immaginare.

Basta fare un lavaggio a vuoto con la candeggina versandola direttamente sul fondo della lavastoviglie.

Chiudi il portellone e avvia un lavaggio con acqua molto calda impostando il programma di risciacquo, et voilà, la lavastoviglie è finalmente pulita e igienizzata.

10. Togliere le macchie di tè e caffè

Sono due delle macchie più ostinate e più difficili da rimuovere: parliamo del tè e del caffè. Anche in questo caso la sorprendente candeggina può essere d’aiuto.

Basta immergere i capi sporchi in una soluzione composta da acqua e candeggina e lasciarli a mollo per una notte.

Ovviamente, attenzione ai colori.

Leggi anche: Rimedi naturali per eliminare immediatamente qualsiasi tipo di macchie dai vestiti

11. Igienizzare asciugamani e lenzuola

Su asciugamani e lenzuola l’igiene è d’obbligo! Nessuno vorrebbe dormire su lenzuola con carica batterica alta, e sicuramente nessuno vorrebbe asciugarsi il viso e il corpo con asciugamani nelle medesime condizioni.

E allora, come si ottiene l’igiene e la pulizia profonda su questi tessuti?

Lavandoli spesso certamente, ma anche con la candeggina. Per lenzuola e asciugamani bianchi puoi usare la candeggina.

Versa il prodotto nella vaschetta degli additivi, o in mancanza avvia un ciclo di prelavaggio versando la dose 100 ml di prodotto nella vaschetta apposita nel momento in cui scorre l’acqua.

Successivamente avvia il normale lavaggio dopo aver aggiunto anche il detersivo nell’apposita vaschetta.

12. Far durare più a lungo i fiori recisi

Spruzzando qualche goccia del miracoloso detergente, i fiori in casa potranno durare per un arco di tempo nettamente più lungo.

Attenta a non esagerare, altrimenti rischierai di ottenere l’effetto contrario. Manteni una distanza adeguata in modo che lo spruzzo arrivi in modo omogeneo su tutti i fiori.

13. Disinfettare le mani

La candeggina permette anche di disinfettare le mani e perfino di pulire le unghie. Basta intingere lo spazzolino per le unghie in una miscela di acqua e candeggina e spazzolare con delicatezza.

Infine, risciacqua a fondo e con molta attenzione.

14. Eliminare i cattivi odori dalla pattumiera

Per pulire, igienizzare e soprattutto eliminare i cattivi odori dalla pattumiera, la candeggina è un valido alleato.

Con la candeggina, i bidoni dell’indifferenziata così come i contenitori dell’umido e il secchio per raccogliere la plastica, torneranno perfetti, come nuovi, senza odori e macchie.

Mantenere puliti i bidoni dell’immondizia che di solito si trovano in cucina, sotto il lavello, o vicino alla finestra, è molto importante per l’igiene e anche per eliminare i cattivi odori dalla pattumiera che inevitabilmente si sviluppano dopo qualche settimana.

Purtroppo anche sistemando sul fondo dei secchi della carta di giornale non si riesce ad eliminare cattivi odori dalla pattumiera, ma solo a rimandare il problema.

Avvertenze e Consigli

Ricordati di indossare sempre guanti protettivi prima di maneggiarla. In ogni caso sciacqua le mani dopo aver terminato l’utilizzo.

Non mischiare mai la candeggina con detergenti quali l’ammoniaca, si rischia di produrre vapori pericolosi per il sistema respiratorio e l’aceto in quanto questa combinazione crea un acido corrosivo che può irritare pelle, occhi, gola e polmoni.

Leggi anche: 30 usi dell’aceto bianco che sicuramente non conosci

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE