Bere acqua ghiacciata è pericoloso. Ecco i rischi ed effetti sull’organismo

Bere acqua ghiacciata è pericoloso. Ecco i rischi ed effetti sull'organismo

Bere acqua ghiacciata è pericoloso. Ecco i rischi ed effetti sull’organismo. Soprattutto d’estate un bicchiere d’acqua fresca è un vero toccasana, ma se è ghiacciata può essere molto pericolosa per la salute.

Oggi ti spiego perché bere acqua ghiacciata è pericoloso. Ecco i rischi ed effetti sull’organismo.

Bere acqua ghiacciata può causare una serie di problemi al nostro organismo, soprattutto alla parte digestiva, allo stomaco.

Lo shock termico può infatti portare a diverse conseguenze, e in alcuni casi anche a una grave congestione. Il nostro organismo infatti ha una sua temperatura che non deve essere alterata bruscamente dall’ingestione di acqua ghiacciata.

E’ molto importante anche il momento in cui beviamo acqua eccessivamente fredda. Infatti, se ingeriamo acqua ghiacciata durante i pasti, possiamo avere dolori addominali, gonfiore o un forte mal di stomaco.

Se invece bevuta dopo i pasti, possiamo anche avere una congestione, poiché andiamo a creare uno shock termico proprio nel momento in cui il nostro corpo era in fase di digestione.

Inoltre, l’acqua eccessivamente fredda può anche moderare la frequenza cardiaca. Infatti il cuore necessariamente rallenta fino a quando la temperatura corporea non ritorna a valori normali.

Leggi anche: Bevi la quantità giusta di acqua? Ecco 10 segnali che indicano che non stai bevendo abbastanza acqua

Bere acqua ghiacciata è pericoloso. Ecco i rischi ed effetti sull’organismo:

“Bisogna tenere conto – spiega la dottoressa Francesca Evangelisti, biologa nutrizionista – che il nostro organismo e, in modo particolare lo stomaco, hanno una determinata temperatura interna, che deve essere alterata il meno possibile.”

Di conseguenza, quando mangiamo alimenti troppo caldi o troppi freddi, quindi  anche quando beviamo acqua ghiacciata, l’impatto termico a livello gastrico è notevole, il che ostacola il processo digestivo da parte dello stomaco, che si ritrova a dover affrontare un sovraccarico di lavoro.

Vediamo di seguito i rischi ed effetti sull’organismo:

Mal di stomaco e gonfiore

Bere acqua fredda mentre si sta mangiando, infatti, può provocare un forte mal di stomaco e anche gonfiore addominale.

Ciò accade perché alcuni alimenti, a contatto con l’acqua fredda, tendono ad espandersi, determinando un aumento di volume dello stomaco che può, appunto, apparire più gonfio rispetto al normale e causare addirittura dolore.

Bere acqua dopo i pasti può essere ancora più deleterio: il rischio evidenziato dalla biologa nutrizionista è quello di forti indigestioni.

“Non solo andiamo a sconvolgere la temperatura dello stomaco proprio nel momento in cui inizia il processo digestivo, ma  l’acqua fredda può alterare lo stato di alcuni alimenti, ad esempio quelli grassi, che tendono a solidificarsi se mescolati con acqua fredda e impiegano più tempo per essere digeriti”.

La conseguenza è che l’intero processo digestivo risulta rallentato e complicato, causando, in alcuni casi, anche problemi di reflusso gastro-esofageo.

Leggi anche: Acqua e limone: come berla per perdere 14 chili in 9 giorni

Dolore a denti, cuore e gola

Bere acqua fredda durante i pasti è poi sconsigliato a tutti coloro che hanno denti o gengive sensibili, dato che in questi casi la bassa temperatura dell’acqua può scatenare o accentuare la sintomatologia.

I rischi, però, non finisco qui: “l’acqua molto fredda, infatti, può anche moderare la frequenza cardiaca poiché il cuore necessariamente rallenta fino a quando la temperatura corporea non ritorna a valori normali, può provocare costipazione e irritare la gola.”

Acqua ghiacciata e disidratazione

Quando si beve dell’acqua molto fredda, l’impressione è quella di riuscire a dissetarsi, tuttavia la dottoressa Evangelisti mette in guardia: la temperatura troppo bassa dell’acqua può portare anche a disidratazione, poiché l’assorbimento è più difficoltoso da parte dell’organismo.

“Certamente non si può parlare di disidratazione grave, come occorre a seguito di alcune patologie o in forte carenza di acqua, ma comunque di questo disturbo ne può determinare altri, quali emicrania o forti mal di testa, stanchezza, spossatezza, mancanza di iniziativa e concentrazione, irritabilità, nervosismo.”

L’acqua, infatti, ricca di minerali, è importantissima per il nostro organismo e, se viene a mancare, determina squilibri e difficoltà per numerosi processi metabolici.   

Come accorgersi di questo stato di disidratazione:

  • aumento del senso di sete
  • necessità di urinare meno spesso del solito
  • urine di colore scuro.

Leggi anche: Acqua di menta: la bevanda rinfrescante che da energia, e non solo

Congestione da acqua ghiacciata

Da non sottovalutare anche il fatto che, nei casi più gravi, bere acqua molto fredda, in particolare quando l’organismo è particolarmente accaldato, potrebbe determinare una congestione, causata dallo sbalzo troppo repentino di temperatura all’interno dello stomaco.

“Si consiglia sempre, infatti, se si è molto accaldati, di bere acqua a temperatura ambiente o di berla leggermente fredda, ma rigorosamente a piccoli sorsi, in modo tale da non causare uno sbalzo di temperatura troppo brusco.”

Quali sono i sintomi di una congestione?

  • colorito pallido
  • tremori
  • spossatezza
  • pancia dolorante
  • sudori freddi
  • nausea a volte seguita da vomito

La congestione va soccorsa in tempi brevi perché potrebbe avere conseguenze gravi o gravissime poiché il sistema cardiocircolatorio potrebbe andare in tilt causando un collasso cardiaco.

Qualora ci rendessimo conto di attraversare una situazione del genere vi sono degli accorgimenti immediati da mettere in pratica:

  • evitare\smettere di mangiare
  • bere a piccoli e frequenti sorsi

Leggi anche: Acqua Detox rinfrescante, drenante, anticellulite e sgonfia pancia. Ecco 5 ricette

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE