Come cuocere le castagne: 4 trucchi per caldarroste perfette

Come cuocere le castagne: 4 trucchi per caldarroste perfette

Come cuocere le castagne: 4 trucchi per caldarroste perfette. Amate da grandi e piccini, le castagne sono buonissime e sono davvero facili da preparare, facendo attenzione ad alcuni dettagli e trucchi fondamentali per renderle perfette.

Ricorderai le serate trascorse da bambino vicino al camino a gustare le caldarroste, un modo per riscaldare e rendere più golose le tue serate d’autunno. Oggi ti scrivo come cuocere le castagne: 4 trucchi per caldarroste perfette.

Le castagne, oltre ad essere deliziosi alimenti autunnali, sono un vero toccasana per l’organismo e consumarle in questa stagione porta alcuni importanti benefici.

Proprietà delle castagne

Tra le vitamine contenute nelle castagne troviamo: vitamina A, B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B5, B6, B9 (acido folico), B12, C e D.

Tra gli aminoacidi presenti nelle castagne citiamo: l’acido aspartico, l’acido glutammico, arginina, serina e treonina

Le castagne contengono inoltre: 

  • potassio (antisettico, rinforza muscoli e ghiandole),
  • fosforo (calcificante, collabora alla formazione della cellula nervosa), 
  • zolfo (antisettico, disinfettante, contribuisce all’ossificazione), 
  • sodio (utile alla digestione e all’assimilazione), 
  • magnesio (coadiuva alla formazione dello scheletro e agisce come rigeneratore dei nervi),
  • calcio (ossa, sangue, nervi), 
  • cloro (ossa, denti e tendini). 

Leggi anche: Mandorle: ecco cosa succede al tuo organismo se ne mangi un pugno al giorno

Valori nutrizionali

100 g di castagne arrosto contengono 193 kcal / 808 kj.

Inoltre, per ogni 100 g di questo prodotto, abbiamo:

  • Acqua 42,4 g
  • Carboidrati 41,8 g
  • Zuccheri 10,7 g
  • Proteine 3,7 g
  • Grassi 2,4 g
  • Colesterolo 0 g
  • Fibra totale 8,3 g

I benefici delle castagne

I motivi per cui è consigliato mangiare qualche castagna sono più di uno, primo fra tutti la loro capacità regolatrice per l’intestino e di controllare il colesterolo.

Le castagne sono ricche di vitamine e minerali e aiutano a rimettersi in forze dopo i primi malanni e le influenze di stagione.

La ricchezza di fibre aiuta la regolarità intestinale mentre l’alto apporto calorico le trasforma in veri super food, adatte come snack per gli sportivi e per dare energia in caso di stanchezza.

L’assenza di glutine le rende ideali anche per chi soffre di celiachia, che può trovare nelle castagne molte proprietà nutritive e una fonte di zuccheri e vitamine.

Leggi anche: 4 rimedi per migliorare la digestione del glutine

Come cuocere le castagne: 4 trucchi per caldarroste perfette

Caldarroste sul barbecue

La modalità di cottura classica per preparare le caldarroste è il barbecue: basta incidere le castagne praticando loro un taglio orizzontale di circa 2 cm di lunghezza senza arrivare alla polpa, sistemarle in una padella bucata apposita e appoggiarle sulla fiamma rovente.

Nel caso del barbecue, basta preparare della brace viva e sistemare sopra a questa la padella bucata, avendo cura di mescolare spesso per evitare che le castagne brucino.

Le caldarroste sul barbecue sono pronte quando sono arrostite all’esterno, il taglio si è aperto e all’interno sono diventate abbastanza gialle.

Caldarroste sul fornello senza padella bucata

Se non hai a disposizione un barbecue, puoi cuocere le tue castagne in padella in modo che siano simili alle caldarroste.

Il procedimento è semplice: lasciale ammorbidire in acqua non salata per 10 minuti quindi asciugale, pratica un’incisione e adagiale su una padella antiaderente facendo attenzione che l’incisione sia rivolta verso l’alto.

Cuoci le castagne per 5 minuti a fiamma media quindi girale e lasciale cuocere per altri 5 minuti, le castagne saranno pronte quando leggermente abbrustolite in superficie.

Castagne al forno

La cottura delle castagne al forno è semplice e veloce: basta intagliarle, sistemarle su una teglia abbastanza grande e antiaderente (o coperta con carta forno) e cuocere a forno medio (180°-200°) per massimo 30 minuti in base alla grandezza delle castagne.

Anche in questo caso, l’esterno delle castagne sarà abbrustolito al termine della cottura e l’incisione si sarà allargata.

Castagne al microonde

L’uso del microonde è ormai estremamente diffuso, cuocere le castagne al microonde non sarà soltanto semplice ma anche molto più veloce rispetto alla classica cottura al forno.

Fai sempre l’incisione sulla loro superficie e mettile nel microonde, calcola un tempo di cottura pari a massimo 3 minuti alla massima potenza.

Otterrai delle castagne pronte in pochi minuti, davvero buonissime.

Leggi anche: Mangia 7 noci al giorno per un mese e guarda come cambia il tuo organismo

2 ricette bonus

Castagne bollite

Per preparare le castagne bollite bisogna: incidere le castagne e versarle in una pentola abbastanza capiente; coprire di acqua fredda (non salata) e lasciar cuocere fino a cottura completa, che si verifica inserendo una forchetta in una castagna oppure semplicemente con l’assaggio.

Le castagne possono essere bollite sia con la buccia e la pellicina che senza buccia ma solo con la pellicina che le ricopre, in entrambi i casi, dovranno essere sbucciate quando ancora calde per fare in modo che buccia e pellicina vengano via con facilità.

Castagne al sale

La cottura in padella può essere realizzata anche con del sale grosso. Te ne servirà circa un chilo che andrà aggiunto in padella e su cui dovrai adagiare le castagne.

Copri con un coperchio e di tanto in tanto rigirale. Anche in questo caso devi praticare la classica incisione.

Controindicazioni

Un normale consumo di castagne non presenta particolari controindicazioni, se non quelle legate all’alto contenuto di amido.

Come con le patate, infatti, un consumo eccessivo può generare ipersensibilità ai soggetti affetti da disturbi gastrointestinali, particolarmente la sindrome del colon irritabile.

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE