Smalto sulle unghie
Salute&Benessere

Smalto sulle unghie: 3 segreti che devi sapere prima di metterlo

Smalto sulle unghie: 3 segreti che devi sapere prima di metterlo.Lo smalto per unghie è un prodotto cosmetico molto comune e molto usato. Ecco gli effetti dannosi sul nostro organismo.

Mettere lo smalto sulle unghie è un’abitudine normale per molte donne. Tuttavia, in pochi conoscono i reali effetti degli smalti sul nostro organismo: di seguito ti elenchiamo i più importanti.

Un recente studio condotto in California ha dimostrato che gran parte degli smalti presenti sul mercato contengono sostanze tossiche come toluene e formaldeide.

Queste sostanze rappresentano un vero rischio per la salute, e possono causare condizioni anche gravi.

La prova dell’ esistenza di questa ed altre sostanze tossiche nello smalto, e che esse vengano assorbite dall’ organismo, si trova in un recente studio.

Lo smalto è ricco di sostanze chimiche dannose che vengono assorbite dal nostro organismo, a differenza di come molti pensano, i quali considerano l’unghia come una parte del corpo a se.

Leggi anche

Mangiarsi le unghie: cause, rischi ed i rimedi naturali che funzionano davvero

A seguire, smalto sulle unghie: 3 segreti che devi sapere prima di metterlo

Toluene. Viene usato per far integrare tutti gli ingredienti dello smalto, e si trova anche nella benzina. L’esposizione ripetuta e prolungata a questa sostanza chimica può causare danni al sistema nervoso e riproduttivo.

Formaldeide. Questa sostanza viene usata come agente indurente, ma anche per disinfettare gli strumenti usati per manicure e pedicure. L’esposizione ripetuta alla formaldeide è stata associata a vari tipi di cancro.

Dibutilftalato. Questo ingrediente viene usato per prevenire la rottura dello smalto una volta applicato sulle unghie. Questo ingrediente, proibito nell’Unione Europea, causa danni agli organi riproduttivi.

Per evitare l’esposizione a queste sostanze chimiche acquista solo smalti etichettati come non tossici. Lascia le unghie libere da smalto per almeno 4 o 5 giorni al mese, per farle respirare e per ridurre il contatto con le sostanze chimiche.

Se ti è piaciuto questo articolo Condividilo sui tuoi Social Prefetiti

Post Correlati

Leave a Comment

error: Copiare i contenuti è reato di plagio. È stata inviata una segnalazione automatica a Google e riceverai una penalizzazione per contenuti duplicati.