Come depurare i polmoni con zenzero e curcuma

377
Come depurare i polmoni con zenzero e curcuma

Come depurare i polmoni con zenzero e curcuma. Depurare i polmoni dal catrame accumulato in anni di dipendenza dal fumo non è facile.

Le tossine restano anche tutta la vita, ma non devi rinunciare alla scelta di smettere, anzi, è quella giusta! In questo articolo ti svelo come depurare i polmoni con zenzero e curcuma.

Già nei primi mesi di assenza della nicotina nella tua vita, avrai i primi benefici. Se hai fumato per anni o stai tutt'ora fumando, è probabile che tu abbia la persistente tosse caratteristica del fumatore.

Per evitare la bronchite e altre malattie legate al fumo, nel periodo dove riduci il consumo di nicotina, puoi ricorrere a questo rimedio naturale.

Naturalmente, è anche vero che per pulire i polmoni dalla polvere nera ci vuole pazienza, oltre ad utilizzare i rimedi naturali giusti e uno stile di vita più sano, grazie a delle buone abitudini.

Sebbene il numero di fumatori nel mondo stia scendendo di anno in anno, quella del fumo continua ad essere un’abitudine tanto diffusa quanto dannosa per la salute. Il fumo espone noi e i nostri cari al rischio di disturbi ai polmoni, anche gravi.

Il fumo uccide, ecco come

Pur con grave ritardo, ormai praticamente tutti sono consapevoli che fumare faccia male alla salute. Meno noti sono i tanti e diversi danni provocati dal fumo di tabacco.

Vale quindi la pena ricordare almeno i danni più frequenti nella speranza che questo possa indurre il maggior numero di persone a smettere di fumare e tanti giovani a decidere di non iniziare mai:

  • Il tabacco provoca più decessi di alcool, AIDS, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme.
  • Il fumo uccide: 20 sigarette al giorno riducono di circa 4-6 anni la vita media di un giovane che inizia a fumare a 25 anni.
  • È stato stimato che di 1.000 maschi adulti che fumano uno morirà di morte violenta, sei moriranno per un incidente stradale e 250 moriranno per patologie correlate all’uso del tabacco.
  • La gravità dei danni fisici dovuti all’esposizione (anche passiva) al fumo di tabacco è direttamente proporzionale all’entità complessiva del suo abuso. Determinanti sono: l’età di inizio, il numero di sigarette giornaliere, il numero di anni di fumo e l’inalazione più o meno profonda del fumo.

 

Il fumo è una delle principali cause di:

  • bronchite acuta e, alla lunga, bronchite cronica ed enfisema polmonare (abnorme dilatazione degli alveoli con distruzione delle loro pareti): episodi asmatici ed infezioni respiratorie ricorrenti aumentano per incidenza e gravità;
  • tumore polmonare: si stima che in Italia il fumo sia responsabile del 91% di tutte le morti per cancro al polmone negli uomini e del 55% nelle donne, per un totale di circa 30.000 morti l’anno;
  • infarto miocardico: il fumo è la causa principale di infarto e di malattie coronariche in uomini e donne e si associa al 30% delle morti causate da malattie coronariche. Il fumo di sigaretta aumenta il rischio di aterosclerosi e di infarto miocardico perché danneggia le cellule che rivestono internamente i vasi arteriosi, favorendo la formazione di placche ostruttive e di trombi. I fumatori corrono un rischio di ammalarsi che è più del doppio di quello dei non fumatori. Smettendo di fumare il rischio si riduce dopo solo un anno di astinenza; dopo 20 anni diventa simile, ma sempre un po’ superiore, a quello di chi non ha mai fumato;
  • ictus: si manifesta con perdita di conoscenza e può portare alla morte o determinare la paralisi di una parte del corpo. L’ictus è al terzo posto fra le cause di morte negli U.S.A. ed anche in Italia è molto frequente. Il rischio di ictus aumenta del doppio tra i fumatori. Smettendo di fumare il rischio si riduce drasticamente già dopo un anno; dopo 5-10 anni diventa sovrapponibile a quello di chi non ha mai fumato;
  • cancro: il fumo aumenta il rischio di cancro della vescica, del fegato, della laringe, dell’esofago e del pancreas;
  • danni alla sessualità maschile: il fumo di sigaretta è un fattore di rischio importantissimo nello sviluppo della disfunzione erettile. Il fumo di sigaretta amplifica notevolmente il rischio di impotenza, specie quando associato a patologie cardiovascolari e relative terapie farmacologiche. In uno studio, nei pazienti trattati per una patologia cardiaca la probabilità di una impotenza completa è risultata del 56% tra i fumatori e del 21% tra i non fumatori.

 

Il nostro consiglio è quello di smettere subito di fumare, per il proprio bene e quello di chi vive attorno a noi.

Come depurare i polmoni da tossine e catrame?

Alcuni alimenti hanno proprietà espettoranti, depurative e antibatteriche che possono aiutarci a disintossicare i polmoni e pulire le vie respiratorie.

E’ il caso dello zenzero e della curcuma che, abbinate alla cipolla, possono aiutarci a migliorare la respirazione e la salute dei polmoni.

1.La cipolla

È molto interessante sapere che un modo stupendo di pulire i polmoni dei fumatori è tramite le essenze vegetali, inalando oppure ingerendole.

Per questo motivo la cipolla rappresenta un meraviglioso rimedio per potenziare la nostra salute polmonare, soprattutto se si ha bisogno di depurarsi dalle tossine causate dal tabacco.

  • Presenta un effetto mucolitico e broncodilatadore.
  • Aiuta a sfiammare gli alveoli e ad eliminare parte di quegli elementi nocivi che li danneggiano e ostruiscono.

 

2.La curcuma

Nel nostro spazio abbiamo parlato più volte dei grandi benefici della curcuma, ma lo sapevi che è uno degli ingredienti più efficaci per pulire i polmoni dei fumatori?

  • Contiene un elemento davvero interessante nella sua composizione, chiamato curcumina. Secondo numerosi studi, questo colorante riduce lo stress infiammatorio ed ossidativo dei polmoni e, allo stesso tempo, agisce come protettore nei confronti di patologie come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) o il semplice malessere respiratorio.
  • Bisogna segnalare anche che la curcuma contiene corticosteroidi molto efficaci per ridurre le infezioni e pulire i polmoni, oltre a polifenoli capaci di frenare lo sviluppo dei tanto temuti radicali liberi. Perché non provarla, quindi?

3.Lo zenzero

Le proprietà dello zenzero per prendersi cura della salute del sistema respiratorio son abbondantemente note, nonché uno dei motivi principali per cui è conosciuta questa radice medicinale.

  • È molto efficace per eliminare l’espettorato presente nei polmoni, così come per aprire i bronchi per favorirne l’espulsione.
  • È un eccellente antibatterico, antisettico ed antinfiammatorio, molto indicato per tutti i fumatori che abbiano i polmoni delicati dopo anni di dipendenza dal tabacco. Interviene sulla tosse e di solito si trova subito sollievo dopo averlo assunto.
  • Il suo sapore “piccante e forte” è quello che fa reagire i polmoni, grazie ad un effetto prodotto soprattutto dai suoi oli essenziali, davvero medicinali e molto utili per curare anche afonie e ridurre il mal di gola.

Leggi anche, Sigaretta: oltre 400 sostanze tossiche e cancerogene. Ecco cosa immetti nel tuo organismo quando fumi

Sigaretta: oltre 400 sostanze tossiche e cancerogene. Ecco cosa immetti nel tuo organismo quando fumi

Come depurare i polmoni con zenzero e curcuma: ecco la ricetta

Ingredienti

  • 2 cipolle medie
  • ½ litro d’acqua
  • 1 cucchiaino di curcuma (2 gr)
  • 50 grammi di radice di zenzero
  • 2 cucchiai di miele (50 gr)

Preparazione

  • La prima cosa da fare è mettere a bollire il ½ litro d’acqua. Una volta giunto ad ebollizione, aggiungi le cipolle ben lavate, i 50 grammi di zenzero e i due cucchiai di miele.
  • Lascia cuocere il tutto per 35 o 40 minuti a fuoco medio. Cerca di ottenere uno sciroppo di tutti gli ingredienti, per cui sarà necessario un po’ di tempo. Non dimenticare di mescolare di tanto in tanto.
  • Una volta che il preparato abbia assunto una consistenza più spessa e che le cipolle si siano ridotte un po’, sarà giunto il momento di spegnere il fuoco e mettere il coperchio. Lascia riposare per un’ora, in modo che gli oli essenziali e tutte le proprietà degli ingredienti vengano rilasciati nella bevanda. Filtra tutto il contenuto e conserva solo l’acqua ottenuta che, di certo, sprigionerà un odore molto forte. Non spaventarti, perché il sapore è gradevole.
  • Versa la bevanda in una bottiglia scura, che dovrai conservare in un luogo fresco e lontano dal sole. Se lo desideri, puoi anche conservarla in frigorifero, ma l’ideale è che si trovi a temperatura ambiente in modo che non sia né fredda né calda quando lo berrai.

 

Modalità d'uso

Questo rimedio naturale per pulire i polmoni può essere assunto la mattina, il pomeriggio oppure la sera. Basta servire due cucchiai alla volta e i primi devono essere a digiuno appena svegli.

Vedrai come ti sentirai bene e anche se “pizzica” un po’, non preoccuparti. I tuoi polmoni te ne saranno grati.

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE