Allarme in Italia: Salumi con listeria, 2 morti e decine di ricoverati. Marche e lotti
Allarme in Italia: Salumi con listeria, 2 morti e decine di ricoverati. Marche e lotti
News

Allarme in Italia: Salumi con listeria, 2 morti e decine di ricoverati. Marche e lotti

Allarme in Italia: Salumi con listeria, 2 morti e decine di ricoverati. Marche e lotti. Listeria nei salumi: molti lotti e marchi di mortadella e salame ritirati dai supermercati per contaminazione da Listeria Monocytogenes.

Nuovo avviso di richiamo di prodotti alimentari da parte del Ministero della salute per possibile rischio microbiologico per i consumatori. Di seguito ti scrivo l'ennesimo allarme in Italia: Salumi con listeria, 2 morti e decine di ricoverati. Marche e lotti.

Questa volta l'annuncio pubblicato sul portale web del Ministero, nella sezione relativa agli avvisi di sicurezza e ai richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori, riguarda la presenza di Listeria Monocytogenes nella mortadella e nel salame ha portato molti supermercati in Italia e all’estero a ritirare prodotti di salumeria di diverse marche.

Il Ministero della Salute ha pubblicato gli avvisi sul proprio sito, avvertendo i consumatori di non mangiare i prodotti e di restituirli ai punti vendita.

Intanto in Germania sono 37 i casi di persone colpite dallo stesso ceppo di Listeria monocytogenes a causa della contaminazione dei salumi, a cui si sommano 2 morti per la stessa causa.

Salumi con Listeria Monocytogenes: rischi per la salute

Il batterio Listeria monocytogenes è presente in natura, e può contaminare diversi alimenti provocando la listeriosi, infezione caratterizzata da diversi sintomi:

  1. febbre, nausea, diarrea, dolori muscolari.
  2. emicrania, confusioni, irrigidimento del collo e perdita dell’equilibrio.

L’infezione può infatti manifestarsi sotto due forme: come intossicazione alimentare, che si manifesta nel giro di poche ore dopo il consumo dell’alimento contaminato.

E nella forma invasiva o sistemica, dove l’infezione dall’apparato digerente passa al sangue diffondendosi nell’organismo e provocando un’infezione nel sistema nervoso.

In questo caso si hanno encefaliti, meningite e forme acute di sepsi che si manifestano nell’organismo in un periodo di tempo tra un mese e tre mesi.

Soggetti ad alto rischio

soggetti ad alto rischio di infezione sono quelli più sensibili, come:

  1. Anziani
  2. Pazienti immunocompromessi
  3. Neonati
  4. Donne in gravidanza

Nel caso degli ultimi due, l’infezione può provocare in ordine: meningite al bambino; morte infantile precoce e aborto spontaneo. Per prevenire la contaminazione da Listeria si possono seguire queste indicazioni:

  1. Cottura completa dei cibi oltre i 65°;
  2. Lavare con attenzione le verdure prima di consumarle;
  3. Separare le carni crude dalle verdure e dai cibi cotti e pronti al consumo;
  4. Consumare formaggi pastorizzati (es. no brie);
  5. Lavare scrupolosamente le mani e gli utensili da cucina;
  6. Evitare il contatto con animali o persone affette da Listeria.

Nel caso si sospetti un’infezione da Listeria è opportuno richiedere delle analisi del sangue, avvertendo il laboratorio di sospetto contagio da L. monocytogenes, poiché il batterio viene spesso confuso con i germi difteroidi.

Leggi anche: Allarme sostanze cancerogene nel latte in polvere per neonati

Allarme sostanze cancerogene nel latte in polvere per neonati

A seguire, Allarme in Italia: Salumi con listeria, 2 morti e decine di ricoverati. Marche e lotti

Salumi con Listeria Monocytogenes: Mortadella contaminata

Uno dei richiami riguarda il prodotto della mortadella a marchio Conad in vaschetta.

Come si legge sul sito del Ministero della Salute, si tratta di Mortadella Bolognese IGP “Freschi e Convenienti” di marca Conad. Il lotto di produzione è il 26937039 dello stabilimento di Nocero (PR) con marchio IT848LCE.

I grammi della confezione segnalata dal Ministero sono 100 gr e la data di scadenza riportata è 1-11-2019. Si avverte di non consumare il prodotto e di restituirlo al supermercato, e per precauzione di pulire il frigo dove è stata riposta la vaschetta.

Il batterio Listeria Monocytogenes, infatti, sopravvive e cresce alle temperature da frigorifero, portando prodotti leggermente contaminati a diventare fortemente contaminati.

Salumi con Listeria Monocytogenes: Coppa di testa contaminata

Il richiamo interessa un lotto di coppa di testa di modena affettata  prodotta dalla ditta "Gigi il salumificio s.r.l." nello stabilimento di via Aldo moro, a Modena, e commercializzata nei supermercati in vaschette da 125 grammi ciascuna con l'omonimo marchio.

Il lotto interessato dal richiamo è il numero 1478 con data di scadenza o termine minimo di conservazione fissato al 4 gennaio 2020.

L'allerta è scattata a seguito di controlli interni che hanno evidenziato la presenza di listeria monocytogenes in un campione esaminato e che ha indotto la ditta produttrice a richiamare l'intero lotto di produzione numero 1478.

Come sempre in questi casi, mentre il produttore provvede al ritiro dai negozi della merce già prodotta, si raccomanda ai consumatori che avessero già acquistato l'affettato interessato dal richiamo a non consumarlo ma a restituirlo al punto vendita di acquisto.

Allarme in Italia: Salumi con listeria, 2 morti e decine di ricoverati. Marche e lotti

Allarme in Germania: Salumi con listeria

Dalla Germania arriva un altro allarme, che riguarda invece i salumi di marca Wilke Waldecker Fleisch- und Wurstwaren GmbH & Co. KG, con marchio di identità DE EV 203 EG, che riguardano non solo prodotti di salumeria ma anche i derivati, come il salame sulla pizza precotta.

In Germania le infezioni per Listeria hanno portato a 2 decessi e 37 contaminazioni, e si teme anche in Italia, dato che non si conosce il numero dei prodotti esportati e in quali rivenditori siano disponibili.

Ecco la lista completa dei salumi ritirati per Listeria:

Prodotti ritirati

Marchi ritirati

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE

Post Correlati

Leave a Comment

error: Copiare i contenuti è reato di plagio. È stata inviata una segnalazione automatica a Google e riceverai una penalizzazione per contenuti duplicati.