Panna cotta Crai ritirata: Allarme Ministero della Salute, rischio microb...
Panna cotta Crai ritirata: Allarme Ministero della Salute, rischio microbiologico
News

Panna cotta Crai ritirata: Allarme Ministero della Salute, rischio microbiologico

Panna cotta Crai ritirata: Allarme Ministero della Salute, rischio microbiologico. Ennesima allerta alimentare, dolce deteriorato da forte carica microbica.

Dal 10 ottobre 2019 Crai ha richiamato per rischio microbiologico il prodotto. Vediamo insieme i lotti di Panna cotta Crai ritirata: Allarme Ministero della Salute, rischio microbiologico.

Secondo gli esperti, la decisione è stata presa a causa della presenza di alterazione organolettica con odore acre e sapore amaro, causato da elevata carica microbica mesofila.

Lotti incriminati

Le confezioni sono quelle da 200 grammi (2×100 grammi) con le date di scadenza 31/01/2020, 29/02/2020 e 19/03/2020.

Il ministero della salute ha pubblicato sul suo sito i dettagli del prodotto CRAI SECOM SPA – PANNA COTTA AL CREME CARAMEL UHT che è in fase di ritiro merce.

La data del ritiro è 9 ottobre.

Prodotta per Crai dall’azienda Alinor Spa, nello stabilimento di via Vittorio Veneto 1/C, a Ripalta Cremasca, in provincia di Cremona (marchio di identificazione IT 03 158 CE).

 

Leggi anche Allarme Meticillina, Aspirina, Ibuprofene, Rabeprazol: 10 tipologie di farmaci che distruggono i reni ma nessuno ne parla

Allarme Meticillina, Aspirina, Ibuprofene, Rabeprazol: 10 tipologie di farmaci che distruggono i reni ma nessuno ne parla

A seguire Panna cotta Crai ritirata: Allarme Ministero della Salute, rischio microbiologico

Dunque nello specifico i lotti interessati sono quelli che hanno la data di scadenza fissata al:

  • 31 gennaio 2020
  • 29 febbraio 2020
  • 19 marzo 2020

 

Prodotti da ALINOR SpA nell’impianto di Ripalta Cremasca in provincia di Cremona e distribuiti nelle confezioni da 200 grammi. A causa di ciò, il Ministero ha disposto per il ritiro immediato nei supermercati interessati.

Chi avesse già acquistato l’alimento, evidenzia Giovanni D’agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non deve consumarlo ma restituirlo presso i punti vendita interessati dove i venditori si occuperanno di rimandarli indietro ed essere risarciti in quanto il prodotto deve essere ritirato dai supermercati.

FATE GIRARE- INFORMATE TUTTI

Leggi anche Allarme Voltaren, Moment, Buscofen e altri 24 medicinali noti. Pericolo infarto per chi li usa abitualmente. Ecco quali

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE

Post Correlati

Leave a Comment

error: Copiare i contenuti è reato di plagio. È stata inviata una segnalazione automatica a Google e riceverai una penalizzazione per contenuti duplicati.