La dieta di Antonino Cannavacciuolo: ecco come ha fatto a perdere 29 chili

463
La dieta di Antonino Cannavacciuolo ecco come ha fatto a perdere 29 chili

La dieta di Antonino Cannavacciuolo: ecco come ha fatto a perdere 29 chili. Lo chef stellato Antonino Cannavacciuolo si è messo a dieta con l’obiettivo di perdere peso lentamente.

Ma quali sono i segreti della dieta che l’ha permesso di perdere ben 29 chili? Oggi ti scrivo la dieta di Antonino Cannavacciuolo: ecco come ha fatto a perdere 29 chili.

Cannavacciuolo è un artista della cucina, ma grazie a simpatia e battuta pronta nel giro di pochi anni ha conquistato anche la tv.

A rendere famoso Antonino Cannavacciuolo, però, è stata anche la sua stazza: lo chef napoletano supera il metro e novanta, infatti, siamo abituati a vederlo come un vero e proprio gigante buono.

Cannavacciuolo, uno dei giudici del programma MasterChef Italia, proprietario di diversi ristoranti e locali stellati tra cui la celebre Villa Crespi, era arrivato a pesare 155 chili.

Tuttavia al peso in eccesso si accompagnavano dei problemi di salute, un eccesso di stanchezza, difficoltà a riposare e a recuperare.

E così già da qualche anno, Cannavacciuolo si è messo a dieta, il risultato è che oggi pesa circa 126 chili.

Antonino Cannavacciuolo confessa di essere dimagrito in maniera vertiginosa

Lo stesso Cannavacciuolo ha voluto rivelare in un’intervista concessa ad un noto settimanale, in cui ha dichiarato di essersi messo a dieta ottenendo dei risultati straordinari.

“Sono dimagrito 25 chili in due anni mangiando tante verdure e facendo sport la mattina: parto con una camminata veloce e finisco con la corsetta. Ho anche allestito una piccola palestra in casa e mi alleno almeno 5 volte a settimana. Questo nuovo stile di vita mi ha fatto rinascere. Ero arrivato a un peso esagerato, soffrivo di apnee notturne e di insonnia, per questo ero molto stressato. Ora dormo otto ore di fila, sono sempre attivo e non mi arrabbio più come prima”.

Leggi anche: La vera dieta di Platinette: ecco come ha perso 30 chili in 6 mesi

La dieta di Antonino Cannavacciuolo: ecco come ha fatto a perdere 29 chili

Alla base del suo dimagrimento c’è l’allenamento costante, ha infatti acquistato da tempo un tapis roulant, e quando sgarra occasionalmente ci dà dentro con flessioni e corsa.

Dopo avere perso i primi chili, ha aggiunto, a questa routine, degli esercizi a corpo libero per allenare la massa magra.

Ma vediamo adesso il segreto della sua dieta.

Cannavacciuolo sta seguendo una dieta mediterranea in chiave molto leggera, che sta supportando il suo dimagrimento. Ma se come lui hai il problema di cene o altri eventi fuori, puoi imparare dallo chef il trucco del giorno di compenso.

Spesso questa cosa così banale, che consiste nel tenersi leggeri il giorno prima o il giorno dopo un’occasione di sgarro, non viene fatta dalla maggior parte delle persone, che negli anni accumulano peso.

Quindi ci si trascina un peso di uno o due chili, che anno dopo anno aumenta. Ci vuole poco a ritrovarsi con 10 o 15 chili in sovrappeso nel giro di 5 o 6 anni.

“La mattina faccio camminata veloce e pesi, non seguo una dieta specifica. Sto solo un po’ attento, non mi sono tolto niente – ha spiegato -. Oggi peso 126-127 chili, ogni tre, quattro mesi perdo un chilo: la bilancia non deve più salire, deve solo scendere. Se una sera esagero a cena con gli amici, il giorno dopo insalata, corsa e flessioni. Sono passato da una taglia 66 a una 60”.

Il dimagrimento di Cannavacciuolo con lo stupore dei suoi fan

Il 16 aprile lo chef ha compiuto 45 anni. In occasione di questo suo compleanno, quindi, Antonino Cannavacciuolo si è mostrato su Instagram in cucina mentre prepara la pizza con l’aiuto del figlioletto: è stato là che molti hanno notato che è notevolmente dimagrito.

Tra uno “Chef, è un po’ sciupato: che sta succedendo?” e un ben più ironico “Chef, e la panza?”, l’argomento di discussione sembra essere solo quello.

I benefici del “metodo Cannavacciuolo”

Questo “metodo” fa sì che il corpo via via si assesti su un peso minore, riducendo il rischio di ingrassare di nuovo (effetto yoyo) e soprattutto rendendo il dimagrimento un’esperienza meno traumatica.

Perdere un chilo anche ogni tre o quattro mesi è senza dubbio un obiettivo verso un peso forma più lungo, piccoli passi verso uno stile di vita più salutare che poi diventeranno delle abitudini. E soprattutto, si minimizzano i rischi di riprendere peso.

Leggi anche: Dinner Cancelling: Come dimagrire velocemente con la dieta seguita da Fiorello

CONDIVIDI L'ARTICOLO | FAI GIRARE

Shares
facebook sharing button Share
messenger sharing button Share
whatsapp sharing button Share
pinterest sharing button Pin